Driver San Francisco

by • 02/09/2011 • Rubriche, The Game VaultComments (0)469

Driver è uno di quei franchise che ancora rimane nel cuore di tantissimi videogiocatori. La sua comparsa sulle console a 32 bit per la prima volta segnò innegabilmente un’epoca, grazie al senso di libertà di poter scorazzare per la città con i nostri bolidi a quattro ruote. Gli sviluppatori originali Ubisoft Reflections hanno deciso così di dare vita a questo reboot e ambientarlo nella assolata San Francisco. Il gioco sorprenderà non poco gli aficionados della serie per via della trama molto particolare. Vestiremo infatti ancora una volta i panni del fidato Tanner. Il nostro detective della polizia di San Francisco viene colpito alle spalle dal criminale psicopatico Chris Jericho, andando così a finire in coma. Ma lo sbirro è duro a morire tant’è che si riprende alla stragrande e addirittura con un super potere in più. Sì perchè grazie all’esperienza del coma Tanner ha imparato a scindere la propria anima dal proprio corpo e così può in un certo senso impradonirsi dell’anima degli altri guidatori in una sorta di shifting. Tutto questo per fermare il folle Jericho, appena evaso, e i suoi folli piani criminali. Benchè questa nuova feature dello shifting sia piuttosto peculiare e stravagante, questo nuovo capitolo di Driver si presenta come sempre basato al 100% sull’esperienza di guida più sfrenata. Avremmo tutta la gamma di azioni disponibili che abbiamo imparato ad amare nel corso degli anni. Ci ritroveremo quindi a intraprendere gare clandestine, dare vita ad inseguimenti forsennati in qualità sia di poliziotto che di ricercato, fare delle consegne a tempo, pedinare altre autovetture e così via. Le azioni sono sempre molto spettacolari e impressionanti come nel caso dei salti su rampe ripidissime o derapate in mezzo al traffico. Sarò quindi tutto un florilegio di azioni al limite con derapate incredibili, sgommate e ribaltamenti di ogni genere. A questo proposito il gioco è ricco di citazioni da classici del genere come Speed o Ritorno al Futuro. Le sezioni a piedi sono parecchio limitate. La vera novità del titolo è rappresentata come dicevamo nell’introduzione dalla possibilità di Tanner di trasmigrare con l’anima in altri corpi. In questo modo, assumendo il controllo degli altri guidatori, potremo entrare negli altri veicoli per svolgere missioni secondarie o guadagnare punti determinazione. Un altro ottimo utilizzo dello shifting è rappresentato dalla possibilità di entrare in possesso di altri veicoli e organizzare così degli ostacoli per coloro che stiamo inseguendo, il tutto in tempo reale. Potremo anche rimediare ai nostri errori durante gli inseguimenti passando subito a un’altra vettura. Avremo sempre a disposizione anche il turbo e la carica per speronare con maggior forza gli avversari. Nella versione multiplayer è importante mettere in evidenza come il potere di shifting in multiplayer assuma contorni ancora molto più spassosi e divertenti. Nel Tag, così definita, un utente è taggato e gli altri dovranno stargli lontano in una sorta di ce l’hai. Il gioco per quanto riguarda il comparto tecnico impressiona molto positivamente. La grafica è pulita e fa il suo dovere e il senso di velocità è pazzesco. Avremo a disposizione tutta una serie di inquadrature che renderanno l’azione ancora più frenetica. La città è ricostruita alla perfezione, su tutto il Golden Gate. Anche le autovetture sono riproduzioni fedeli della realtà. Avremo a disposizione Dodge, Cadillac e anche il nostro orgoglio Cinquecento o altri mezzi dell’Alfa Romeo. Un titolo di cui si sentiva la mancanza e che divertirà e impressionerà certamente sia i vecchi appassionati che i nuovi utenti.

GRAFICA: 7,5
SONORO: 8
GIOCABILITA’: 8
LONGEVITA’: 8.5
VOTO FINALE: 8

HOT SPOTS:
–    Grandissma atmosfera alla Starsky e Hutch
COLD SPOTS:
–    Lo shift potrebbe fare storcere il naso agli aficionados della serie

Produttore: Ubisoft
Sviluppatore: Reflections
Genere: Racing

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI