Dreamscaper

by • 01/09/2020 • Rubriche, The Game VaultCommenti disabilitati su Dreamscaper146

Dreamscaper è un action rpg con tanti elementi rogue ma anche da visual novel che tratta un argomento molto scottante e mature per un videogioco ossia quello legato alla depressione. Dovremo anche gestire i suoi terribili incubi durante la notte.

Il gioco affronta le delicate tematiche con un approccio quasi da sogno, anche per alleggerire un po’ i temi trattati. Come gameplay avremo un’alternanza di fasi molto più da gioco di ruolo, altre più movimentate da roguelike e altre ancora da visual novel soprattutto quando dovremo interagire con altri personaggi in dialoghi molto pregni di significato.

Il gioco è stato sviluppato dagli Afterburner Studios che stanno puntando tutto nelle loro produzioni in  giochi realistici e dal sapore intimista. Si concentrano infatti su storie forti e complicate utilizzando il videogioco come medium per raccontare store così forti e potenti.

In questo titolo molto interessante vestiremo i panni di Cassidy, una giovane donna che si è trasferita da poco a Redhaven. Nessuno conosce il suo passato ma possiamo capire fin da subito che Cassidy soffre di depressione e non vuole aprirsi con nessuno. Di notte poi i suoi sogni sono funestati da incubi oscuri e presagi di morte ambientati al cimitero.

Il gioco è quindi basato sui ricordi e sugli incubi della protagonista e toccherà proprio a noi tentare di farle superare queste paure. Mano a mano Cassidy potrà contare anche sull’amicizia dei suoi amici e quindi anche noi potremo scoprire dettagli sul suo passato.

Il gioco si suddivide sostanzialmente in notte quando prevale la dinamica action e rpg e giorno in cui l’interazione con gli altri personaggi avverrà alla maniera dei dialoghi di una visual novel. L’interfaccia nelle fasi action è quella tipica di un hack n’ slash con una barra energia e un’altra di lucidità paragonabile ai punti magia. Nell’interfaccia avremo a disposizione anche una mappa in alto per sapere sempre dove ci troviamo.

I comandi comprendono un colpo sulla breve distanza, uno sulla lunga, parata e schivata come sempre accade in giochi di questo tipo.

Potremo anche attivare un’abilità per rallentare il tempo di gioco utilizzando la nostra barra di lucidità.

Dopo il tutorial inizieremo quindi il primo sogno. I sogni sono delle specie di dungeon a stanze quadrate in cui potremo affrontare vari nemici. Sono presenti anche stanze speciali in cui avremo assegnati compiti speciali come eliminare nemici in tot tempo oppure aree in cui dovremo risolvere piccoli puzzle games.

Nelle varie stanze potremo trovare vari potenziamenti così come frammenti di ricordi di Cassidy che quindi ci regaleranno parti del suo passato utili per comprendere la sua storia.

I sogni in totale sono sei tutti progressivamente sempre più grandi ma se moriremo in uno di essi dovremo cominciare tutto daccapo e perderemo anche l’equipaggiamento raccolto finora.

Potremo anche svegliarci sia quando avremo sconfitto un boss sia quando lo vorremo fare per organizzarci al meglio e il punto di risoluzione di un incubo indicherà quanto si ha dormito fino ad allora.

Da svegli naturalmente potremo vivere e quindi conoscere gli altri abitanti di Redhaven dove potremo interagire in maniera sociale. Alle 21 di ogni giorno però Cassidy dovrà dormire e meno dormiremo meno potremo potenziarci per affrontare i vari incubi.

Il punto di forza del gioco è certamente il comparto artistico che sfiora sempre le dimensioni oniriche con colori pastello e ovattati. L’ambiente nelle fasi di esplorazione farà molto atmosfera soprattutto grazie alle musiche sempre di livello. Ogni sogno infatti avrà il suo set di musiche e atmosfere. Anche i colori sono scelti in maniera molto sapiente così come la direzione artistica di ogni boss che è introdotto da un breve filmato per far comprendere meglio il setting.

Un ottimo gioco innovativo da provare sicuramente.

Voto: 8

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI