Dr. Dre fa causa alla Death Row

by • 15/02/2010 • NewsComments (0)497

Non c'è pace per la Death Row, etichetta discografica che ha ormai fatto delle sue disavventure una bandiera. Dopo l'assassinio del suo esponente di punta, dopo l'arresto del suo fondatore, dopo la disastrosa bancarotta da cui non si è mai ripresa del tutto, arriva una nuova, micidiale bordata; e stavolta il mandante è Dr. Dre, altro artista di spicco della scuderia. Dre, che ha abbandonato la label molti anni fa, ha intentato causa alla Wide Awake, la società che ha acquistato la Death Row per salvarla dalla bancarotta.

Stando alle accuse del produttore, infatti, per risistemare i propri bilanci la Wide Awake-Death Row ha deciso di ripubblicare una versione rimasterizzata e un'altra in esclusiva per iTunes di The Chronic, senza però chiedere il permesso al diretto interessato. Non solo: nonostante i vecchi album di Dre vendano tuttora parecchio, soprattutto in questa nuova versione rimasterizzata, il diretto interessato non percepisce più le royalties sui suoi lavori passati dal lontano 1996, perché l'etichetta si rifiuta di pagargliele.

Si profila una probabile vittoria su tutta la linea di Dr. Dre, cosa che affosserebbe ulteriormente la credibilità e le finanze della Death Row. Tra l'altro, ciliegina sulla torta, non è neppure chiaro chi sia esattamente l'imputato:la proprietà della label è tuttora incerta. L'attuale presidente dell'etichetta, Laura Lavi, non è mai stata ufficialmente riconosciuta dalla società che ha acquistato l'etichetta; a sua volta, la Lavi accusa la società per cui lavora di stornare fondi per operazioni di riciclaggio e speculazioni finanziarie. A quanto pare, insomma, la nuova gestione della Death Row assomiglia molto a quella della vecchia Murder Inc.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI