Comic Strips Never Die #10: i visionari Serrano & Torres

by • 31/10/2017 • Comic Strips Never Die, Copertina, RubricheCommenti disabilitati su Comic Strips Never Die #10: i visionari Serrano & Torres192

AMC ha appena annunciato il suo nuovissimo progetto AMC Visionaries, una serie di documentari che vede la collaborazione di alcuni tra i più grandi artisti, in ambito musicale e non solo, per la creazione di documentari che esplorano le “storie indelebili” e le “affascinanti storie dei maestri della cultura Pop “.

La notizia arriva fresca fresca dal network televisivo e tra i progetti scelti per diventare documentario c’è il libro illustrato The Rap Year Book: The Most Important Rap Song From Every Year Since 1979, Discussed, Debated, and Deconstructed scritto da Shea Serrano, illustrato da Arturo Torres e pubblicato nel 2015 dal New York Times. La docu-serie sarà prodotta in collaborazione con Ahmir “?uestlove” Thompson e Tariq “Black Thought” Trotter, membri storici del gruppo The Roots che lavoreranno al libro per dare vita ad alcuni dei best moment della storia hip-hop, esplorando non solo il contesto musicale ma anche quello sociale e culturale da cui proviengono. Secondo AMC, ognuno dei sei episodi si concentrerà sulla storia di una canzone con MC’s e tanti ospiti speciali.

Per chi non conosce il libro: The Rap Year Book, come si capisce dallo stesso titolo, è una selezione di pezzi rap, i più importanti, che vanno dal 1979 al 2014. I saggi scritti da Shea Serrano sono illustrati dalla matita del potentissimo Arturo Torres. La leggenda vuole che l’incontro tra i due fu fortuito e una vera e propria manna per Serrano, che dopo oltre un anno di lavoro non aveva ancora messo insieme i testi con le prime illustrazioni. Serrano ha conosciuto Torres soltanto tre mesi prima della data di consegna del libro, grazie a un flyer che lo stesso Torres aveva disegnato per un concerto degli Outfit in Texas. Così attraverso i social i due si sono incontrati e hanno iniziato la loro fortunata collaborazione. Il resto è storia da oltre 20k vendite solo in preordine.

Un progetto sicuramente meno conosciuto è B(AOT), acronimo di Basketball and other things, ed è fresco fresco di pubblicazione in edizione limitata per la catena Barnes & Noble. Tra le storie che meritano di essere raccontate nella Hall of Fame delle schiacciate più moleste della storia del basket, in cui viene stilata una vera e propria classifica per grado di Disrespectful Dunk, c’è sicuramente quella di Shaquille O’Neal ai danni di Chris Dudley.

Non mancano alcuni degli episodi che hanno fatto la storia dell’NBA, come Doctor J su Bill Walton quando gli lanciò la palla in testa (1977), la furiosità di Dominique Wilkins su Robert Parish (1988), il ginocchio volante di Tom Chambers (1992), Michael Jordan su Alonzo Mourning (1993), la vendetta di Grant Hill su Alonzo Mourning (1998), il “Buckle Up” di Kobe Bryant (2003), il “Welcome to the NBA” di Kobe Bryant (2004), l’Armageddon di Derrick Rose su Goran Dragic (2010) e tanto altro.

A questo proposito vi consigliamo di iscrivervi alla loro newsletter settimanale che contiene articoli illustrati sulle news Hip Hop scritte e disegnate dal freschissimo duo Serrano/Torres.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI