Caso Murder Inc, forse coinvolto 50 Cent

by • 20/10/2005 • NewsComments (0)476

Il processo vero e proprio aprirà i battenti il 24 ottobre, ma le numerose indiscrezioni trapelate dall'ufficio della procura lasciano intendere che per Irv Gotti e suo fratello Christopher, nonché per il loro socio occulto Supreme McGriff, la situazione si sta aggravando di giorno in giorno.

Accusati di riciclaggio di denaro sporco, concorso in spaccio e in omicidio, è ormai ampiamente accertato che i due fratelli Gotti utilizzassero i proventi di un ingente traffico di droga newyorkese, gestito dal narcotrafficante Supreme McGriff, per finanziare l'intera attività della Murder Inc (dopo l'incriminazione, ribattezzata semplicemente The Inc e inglobata pressoché totalmente dalla Def Jam). Nuovi elementi suggerirebbero tuttavia che la faccenda fosse ancora più grossa di quanto si potrebbe pensare, dimostrando un più ampio coinvolgimento di esponenti del mondo degli stupefacenti, ma anche del rap game. Alcune intercettazioni telefoniche mostrano infatti frequenti e regolari contatti tra i due fratelli Gotti, Supreme McGriff e il più noto boss dello spaccio del Queens, Lorenzo 'Fat Cat' Nichols: in carcere dal 1988, Nichols deve scontare una pena minima di 25 anni, ma è già da tempo sospettato di continuare a gestire la sua organizzazione anche da dietro le sbarre.

In una di queste intercettazioni, inoltre, Christopher Gotti confessa a Nichols di essere molto preoccupato per l'incolumità di suo fratello Irv, in quanto alcuni non meglio specificati "pazzoidi soci e seguaci" di 50 Cent avrebbero intenzione di ucciderlo, parlando anche di "cazzo di manie incendiarie" del leader della G-Unit. Pur se non è un segreto per nessuno il suo passato nella criminalità organizzata, 50 Cent non ha rilasciato nessuna dichiarazione ufficiale né ha tentato di difendersi. Per gli investigatori, però, collegare il rapper alla vicenda Murder Inc è stato cosa da poco, anche grazie alle velleità artistiche dell'indiziato: in Get rich or die trying, suo film autobiografico di prossima uscita, il personaggio dello spacciatore Majestic è stato dichiaratamente modellato su Supreme McGriff stesso. Nel frattempo, l'avvocato di Christopher Gotti ha depositato in tribunale un'ingiunzione per rendere nullo il valore legale di quell'intercettazione, perché "irrilevante". La settimana prossima, all'apertura del processo, sarà resa nota la risposta dei giudici.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI