Bill de Blasio racconta il suo rapporto con l’Hip-Hop

by • 06/11/2013 • Articoli, NewsComments (0)885

Bill de Blasio è il nuovo sindaco di New York. Dopo dodici anni di Bloomberg e diciannove di amministrazione repubblicana, New York ha scelto un sindaco democratico. Di origini tedesco-italiane (ma non manca di sottolineare solo la sua discendenza italiana), con moglie di origini caraibiche, ha fatto dell’aiuto ai giovani e alle minoranze le sue battaglie principali. Si è battuto in particolare contro il programma “stop-and-frisk”, per il quale la polizia newyorkese è autorizzata a fermare e perquisire chiunque basandosi sul solo ragionevole sospetto. Neanche a dirlo, la grande maggioranza dei perquisiti è composta da afroamericani e latini.

De Blasio conferma la sua sensibilità per le questioni sociali in una recente intervista a XXL, in cui racconta la sua amicizia con Russell Simmons, grande sostenitore della sua campagna, e parla dei suoi artisti hip-hop preferiti.

“Ci siamo incontrati anni fa attraverso l’attivismo politico che condividiamo – racconta de Blasio a proposito di Simmons -, anche Russell crede che dobbiamo combattere le ineguaglianze e riavvicinare le comunità e la polizia. Ammiro il suo lavoro a favore della giustizia sociale, nella promozione dell’educazione e di uguali diritti per tutti. […] Mi piacerebbe anche entrare in contatto anche con Talib Kweli, – continua il neo sindaco – è cresciuto a Park Slope, dove vivo con mia moglie e dove abbiamo cresciuto i miei figli. Ha una forte coscienza sociale”.

Quando gli viene chiesto se si è mai appassionato all’hip-hop risponde di essere un gran fan di Granmaster Flash, Kurtis Blow, e tutti gli artisti old-school. Ma il suo artista newyorkese preferito è Jay-Z: “è cresciuto a Marcy e diventato uno dei più grandi artisti ed imprenditori del nostro paese, il suo successo e il suo duro lavoro sono un’ispirazione per tutti i newyorkesi”. Mentre, se ve lo state chiedendo, nella Wu-Tang il suo favorito è GZA: “non è solo un grande liricista, ammiro anche il suo lavoro nel cercare coinvolgere gli studenti afroamericani e latini nei programmi di scienze”.

Ha tutta l’aria di una captatio benevolentiae, ma non si può dire che il neo eletto sindaco non si sia preparato.

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI