Alwa’s Legacy

by • 14/12/2021 • Rubriche, The Game VaultCommenti disabilitati su Alwa’s Legacy491

Il titolo in questione è un ottimo metroidvania che sicuramente tutti gli appassionati non faticheranno ad apprezzare in massima parte.

Il gioco è il seguito diretto di Alwa’s Awakening titolo in 8 bit di Elden Pixels che è arrivato su Steam dopo un Kickstarte di successo. Questo seguito oltre che su Pc è approdato anche si Nintendo Switch,

In questo caso lo stile grafico scelto è quello a 16 bit e anche il non avere giocato al prequel non precluderà la fruizione della storia di Alwa’s Legacy in alcun modo. La protagonista in questo caso è Zoe che si risveglierà priva di memoria in un lugo chiamato Alwa. Incontra sulla sua strada un ragazzino che le intima di recarsi in biblioteca dato che a lui è stato ordinato di accompagnare chiunque fosse in possesso di un mantello viola.

Sul nostro percorso incontreremo anche il villain di turno ossia Vicar che tenterà in ogni modo di non farci raggiungere la biblioteca e quindi faremo anche la conoscenza di Saga, un’anziana che ci consegnerà un libro speciale che si riempirà mano a mano che procederemo nella nostra avventura e che ci darà una mano nello sconfiggere il malvagio Vicar.

Il gameplay è quello di stampo classico di un metroidvania con tantissima esplorazione, un buon backtracking e puzzle ambientali che si pareranno sul nostro cammino. Una giocabilità eccezionale che non srfigura neppure con i titoli più blasonati del genere.

Grazie ai punti magia potremo creare vari oggetti per aiutarci nel corso dell’avventura come cubi di pietra per raggiungere zone inaccessibili, bolle di sapone per volare in alto o fulmini per colpire i nemici. Il tutto poi pujò essere ulteriormente potenziato. Potremo anche accendere torce o distruggere muri tramite bacchetta magica in modo da poter avanzare.

Potremo comunque potenziare ciò che ci pare senza un ordine preciso così da avere maggiore libertà nel proseguo della trama. Per velocizzare gli spostamenti potremo sfruttare anche il teletrasporto tra i vari checkpoint in modo da non dover per forza percorrere chilometri di backtracking per arrivare al punto desiderato. L’esplorazione comunque risulta variegata dato che ogni dungeon ha peculiarità specifiche come gravità invertita, acqua che si alza e si abbassa o alternanza tra passato e futuro.

Ottimo il comparto tecnico soprattutto per quello che riguarda la grafica in 16 bit. Buona la caratterizzazione dei personaggi e dei fondali.

Un ottimo metroidvania per confezionato e impegnativo al punto giusto.

Voto: 8.5

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI