Alborosie è tornato!

by • 08/07/2013 • ArticoliComments (0)1438

Alborosie è tornato con un disco nuovo di zecca Sound the System. Un album di 16 inediti da studio che dimostra per l’ennesima volta la maturità artistica dell’artista reggae italiano trapiantato in Giamaica.

Alborosie è poliedrico, ha scritto tutti i testi, ha prodotto tutte le tracce e suonato il 90% degli strumenti presenti sul disco.

Sound the System è un album dal suono nuovo ma che contemporaneamente rispecchia le atmosfere del reggae del passato, il rub a dub della golden age dei Black Uhuru con Sly and Robbie.

L’album vede tracce di sicuro appeal come il singolo Play Fool, la cover di Bob Marley Zion Train in featuring con Kymani Marley e la traccia ska dal ritmo travolgente Goodbye in compagnia di Nina Zilli.

L’album, come ha dichiarato lo stesso artista ai nostri microfoni recentemente, è in pieno stile Alborosie, nel senso che all’interno dell’ampio ventaglio musicale proposto il suo marchio inconfondibile di roots vecchio stampo lo si assapora in ogni nota. Chi si aspetta qualcosa di diverso quindi rimarrà deluso! Il messaggio è come sempre rivoluzionario e in grado di cambiare in meglio l’animo degli ascoltatori.

Il suono è come sempre molto buono ma nel contempo ricco di significato.

Prendiamo ad esempio  Shut U Mouth che proclama l’ingiustizia ancora perpetrata nei confronti dei rasta e che il reggae non sta morendo ma solamente il business attorno ad esso. E’ chiaro che Alborosie non fa musica per business ma per il suo e il nostro diretto. I soldi sono un accessorio che se arrivano tanto di guadagnato in caso contrario non importa. Può sempre fare il falegname come ci ha dichiarato con un sorriso.

Sound the System inoltre scava così a fondo nelle radici del reggae che è perfino presente una traccia con gli Abyssinians intitolata Give Thanks dove troviamo anche degli insert in amarico, la lingua etiope.

La registrazione in analogico fa il resto per creare un disco ricco di fascino.

Lo stesso fascino da cui si può essere catturati durante uno show del tour legato alla promozione di Sound the System appunto. Un tour che toccherà tutta Europa e perfino il Medio Oriente.

Noi abbiamo avuto modo di assistere al suo show a Bologna lo scorso 5 luglio, nella cornice dello Strummer Live Festival, una 3 giorni di musica all’ex Arena Parco Nord e oggi Arena Joe Strummer appunto, Alborosie ha chiuso la kermesse in una giornata che ha visto protagonisti prima i Mellow Mood e poi i maestri del genere Africa Unite a cui Alborosie ha rivolto numerosi apprezzamenti di stima.

Lo show è un misto di grandi classici come Kingston Town e Herbalist inframmezzati da nuove tunes come Play Fool o Who Run The Dance che già hanno catturato il pubblico.

Alborosie è l’istrione di sempre e cattura il pubblico con siparietti divertenti come la camminata da vero rude boy di Kingston o il pezzo lirico dedicato alla città che lo ospita intro come sempre di International Drama.

La sua band, i ragazzi dello Shengen Clan, sono forse attualmente la miglior reggae band in circolazione e il loro carisma, da Dave Primetime alla batteria fino al nostrano Tony Tarantino alle tastiere, è veramente difficile da contenere dando vita a uno show nello show.

Insomma se non lo avete ancora fatto procuratevi una copia di questo capolavoro della musica reggae moderna e appena potete correte a sentire Puppa Rosie live.

La vostra anima ve ne sarà grata!

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI