Adam’s Venture Origin

by • 28/01/2017 • Rubriche, The Game VaultCommenti disabilitati su Adam’s Venture Origin135

adam
I giochi di avventura con un gameplay basato su enigmi si moltiplicano ogni giorno a vista d’occhio sul mercato videoludico internazionale.
Adam’s Venture Origin prende ispirazione proprio dai grandi classici del genere, su tutti Tomb Raider e Uncharted e le linee di trama di e di gameplay sembrano proprio ricalcare in tutto e per tutto questi autentici capolavori.

Il gioco comincia ad Oxford dove il padre del protagonista suggerisce ad Adam di fare la conoscenza della sua segretaria Evelyn. Qui potremo cominciare a comprendere le dinamiche del gioco e le possibilità di risoluzione dei vari enigmi come una specie di tutorial.
L’avventura vera e propria poi comincerà e ci porterà a visitare molti paesi tra cui Parigi, viaggiare in lungo e in largo per l’Inghilterra e giungere perfino in Terra Santa.

Il gioco ha contorni da avventura in terza persona e numerosi spunti da puzzle game che offrono al gioco una notevole varietà di gameplay. Dovremo quindi sempre in ogni caso, muoverci, correre, saltare, arrampicarci ed esplorare per poter di volta in volta scoprire posti nascosti con tesori da conquistare.
adam 2
Potremo anche sfruttare un rampino per poterci dondolare così come distruggere dei muri pericolanti e quindi scoprire ulteriori segreti.
Dovremo quindi girare parecchio e non fermarci mai, senza alcuna sosta. Il level design in ogni caso è più che accettabile e gli enigmi sono sempre ben congegnati e divertenti.  Ci sono quelli ambientali quasi sempre legati al raggiungimento di qualche luogo impervio  per tirare delle leve o magari trovare un oggetto particolare, oppure gli enigmi veri e propri. Dovremo ad esempio sistemare delle caldaie per bilanciare i flussi di vapore, oppure sistemare una scala con pioli per poter raggiungere in maniera agile un punto sopraelevato di un livello e così via.

Sono presenti anche alcune sezioni stealth che quindi danno ulteriore varietà al gioco in tutto e per tutto.
Il comparto tecnico potrebbe  essere stato curato un po’ meglio per quanto concerne il tearing e il pop up d textures un po’ fastidioso ma nulla che non si possa superare dopo i primi minuti di gioco.

Divertenti invece i dialoghi tra il protagonista Adam e la segretaria Evelyn che in più di un’occasione ci strapperanno un sorriso.
L’avventura nella sua totalità, considerati anche gli enigmi più complicati durerà intorno alle sei ore, per una longevità tutto sommato più che accettabile.

Voto: 7.5

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI