A giudizio un ufficiale della LAPD coinvolto nell'omicidio di Notorious BIG

by • 11/07/2004 • NewsComments (0)492

La denuncia è partita dalla madre del rapper newyorkese scomparso il 9 marzo del '97, Voletta e dalla moglie, Faith Evans. Bersaglio delle due donne David Mack, ormai ex-ufficiale della polizia di Los Angeles e tutto il dipartimento della città californiana; l'accusa è concorso in omicidio.

Mack, membro della gang dei Bloods ed attualmente in prigione dove sta scontando una condanna a quattordici anni per rapina a mano armata, sarebbe stato il "basista" della banda, fornendo agli assassini i piani approntati per la protezione del rapper e guidando gli stessi durante la fuga, fornendo loro le notizie sui movimenti delle forze dell'ordine.

La difesa del dipartimento di polizia basa la dimostrazione della propria estraneità sul fatto che al momento dell'omicidio Mack non fosse in servizio e quindi non stesse lavorando "per conto" del dipartimento.

Secondo la decisione del giudice Florence-Marie Cooper, sarà ora compito dell'accusa dimostrare che in quei momento Mack stesse invece lavorando proprio per conto della polizia, in caso contrario la sua posizione sarà valutata come quella di un qualunque cittadino. A sottolineare ulteriormente la propria posizione, il giudice ha affermato il principio che "non è il fatto che fosse o meno in servizio e che indossasse o meno la divisa sufficiente per decidere se l'assassino operasse o meno in quel momento per conto della polizia".

Le ultime mosse della famiglia Wallace prendono il via dalle affermazioni di un altro giovane ufficiale di polizia, Russell Poole, il quale si è detto convinto che a compiere materialmente l'omicidio furono Mack e Amir Muhammad dietro la direzione di Suge Knight; accuse che sia Muhammad che Knight hanno fermamente respinto.

Gli indizi a carico dei due sarebbero comunque molti: Mack è infatti proprietario di una impala scura, come quella che numerosi testimoni hanno visto allontanarsi dalla scena del delito; l'identikit disegnato dagli esperti dell'LAPD sulla base delle testimonianze raccolte sarebbe inoltre straordinariamente somigliante a Muhammad, ed altri testimoni avrebbero visto la sera dell'omicidio Mack uscire di casa in auto. Un testimone avrebbe addirittura riconosciuto Muhammad come una delle persone presenti sul luogo della sparatoria. Il detective Poole testimonierà davanti alla corte in veste di "testimone qualificato".

Related Posts

Powered by Calculate Your BMI